torna alla Home Page
torna alla sezione "Televisione"

| Cibo e bevande | Cinema | Giochi | Libri, fumetti e riviste | Musica, hi-fi e strumenti |
| Pubblicità | Radio | Sport | Televisione | Trasporti | Varie | Links |

torna alla sezione "Televisione"
Televisione
torna alla sezione "Televisione"

torna all'indice delle schede di Guimug
i cartoni visti da Guimug
torna all'indice delle schede di Guimug

 

Cartoni sportivi (2a parte)

- Arrivano I Superboys
- Holly e Benji, Due Fuoriclasse


inizio pagina

Arrivano I Superboys (Akaichi No Eleven)

Sull’onda del successo della nazionale al mondiale di Spagna 1982, irrompe sui nostri teleschermi questa produzione giapponese a sfondo calcistico, in cui lo sport più popolare del mondo è visto quasi come un combattimento all’ultimo sangue, piuttosto che come una gara sportiva.
Protagonista della vicenda è Shingo Tamai, liceale svogliato ed arrogante ma con ottime potenzialità atletiche, che viene notato dall’allenatore della scuola il quale gli propone di entrare a far parte della rappresentativa di calcio.
Shingo, tenendo fede al suo carattere ribelle ed indipendente, all’inizio rifiuta categoricamente cercando addirittura di crearsi una sua squadra, ma, dopo una lezione di calcio impartitagli dalla squadra “ufficiale” entra a far parte di questa compagine assieme all’amico Ohira iniziando così una scalata che lo porterà, alla fine della serie a scontrarsi addirittura con la nazionale brasiliana riportando una delle più belle vittorie.
Colpisce molto in questo anime la connotazione violenta, ed in certi punti addirittura sadica, data al mondo del calcio; l’allenatore della squadra di Shingo li sottopone ad esercizi massacranti ed al limite delle possibilità umane, pensate che in un episodio, per irrobustire le gambe dei giocatori arriva addirittura a passarvi sopra con una jeep.
Inoltre anche le partite sono infarcite di colpi proibiti, calci e pugni senza che mai nessun arbitro intervenga, frequenti sono gli schizzi di sangue dal naso e le ferite lacero-contuse alla testa.
Altra particolarità sono i tiri assurdi ed impossibili che i vari giocatori si inventano partita dopo partita: esempio, il tiro di Yamagata della Kyoio: prendendo una breve rincorsa calcia il pallone verso l'alto, che arriva fino ad una ventina di metri, poi d'incanto si ferma a mezz'aria e comincia a penzolare a destra e sinistra. Ancora un istante e all'improvviso piomba (letteralmente) tra le braccia del portiere che il più delle volte si ritrova scaraventato nella rete col pallone in grembo, o alla meno peggio con le dita delle mani che escono da guanti bruciacchiati!!!
Una curiosità, la sigla cantata in inglese dal gruppo degli Eurokids è infarcita di citazioni dedicate alla nazionale italiana.


inizio pagina

Holly e Benji, Due Fuoriclasse (Captain Tsubasa)

Passano quattro anni e dopo Mexico 1986 ecco puntuale la nuova produzione calcistica proveniente dal sol levante, si tratta di “Captain Tsubasa” da noi ribattezzato “Holly e Benji, due fuoriclasse”.
La vicenda base è sempre la stessa, seguire la crescita di uno o più campioni dai primi passi nelle squadre scolastiche fino al trionfo ai mondiali con la propria nazionale.
Protagonista principale della storia è Oliver Hutton, vispo ragazzino con la passione per il calcio che viene notato per il suo talento da un ex giocatore brasiliano, tale Roberto, che gli promette di portarlo con lui in Brasile a perfezionarsi se sarà capace di vincere il campionato giovanile della sua città.
Ovviamente il campionato è vinto alla grande, ma nonostante la promessa, Roberto decide di lasciare il ragazzo in Giappone ritenendo meglio per lui che si perfezioni nel suo paese d’origine, in modo da dare lustro alla sua nazionale.
Nella seconda serie infatti troveremo un Holly cresciuto, che comincerà ad intraprendere la sua carriera fino al coronamento ai mondiali juniores.
A fare da contorno ci cono moltissimi altri personaggi, compagni ed avversari di Holly, che si possono chiamare a ragione co-protagonisti come il portiere Benjamin Price ed il fortissimo e rissoso attaccante Mark Lenders.
La fama di questo cartone più che alla storia, piuttosto scontata per chi ormai ha fatto la bocca alle varie produzioni sportive, si deve alle invenzioni ai confini della realtà messe in campo dagli sceneggiatori e disegnatori, tipo campi lunghissimi in cui si vede l’orizzonte o tempi dilatati in maniera spasmodica, per i quali una partita dura dai cinque ai venti giorni di programmazione.
Inoltre anche qui abbondano i tiri impossibili e i palloni che si trasformano in lucenti scie laser, con conseguente sfondamento della rete.

 

 


 

 entra in FORUMEMORIA
FORUMEMORIA - Il forum dei nostri ricordi

| Cibo e bevande | Cinema | Giochi | Libri, fumetti e riviste | Musica, hi-fi e strumenti |
| Pubblicità | Radio | Sport | Televisione | Trasporti | Varie | Links |

inizio pagina